La CEDU riconosce (davvero?) l’eccessivo formalismo della Cassazione