La “Composizione negoziata” alla prima prova della giurisprudenza di merito