Un nuovo possibile esito per i concordati “in bianco”